I chiarimenti del Ministero dell’Ambiente 

Cessazione della qualifica di rifiuto di conglomerato bituminoso - EER 17.03.02

(a cura dello Studio Librici)

 

Con Decreto 28 marzo 2018, n. 69 del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, pubblicato nella G.U.R.I. n.139 del 18 giugno 2018, è stato emanato il Regolamento recante la disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto di conglomerato bituminoso ai sensi dell’art. 184-ter, co. 2 del D. Lgs. n. 152/2006, che entra in vigore il 3 luglio 2018.

In particolare il Decreto, all’art. 3, stabilisce i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto del conglomerato bituminoso ovvero il rifiuto costituito dalla miscela di inerti e leganti bituminosi identificata con il codice EER 17.03.02 proveniente:

     1) da operazioni di fresatura a freddo degli strati di pavimentazione realizzate in conglomerato bituminoso;

     2) dalla demolizione di pavimentazioni realizzate in conglomerato bituminoso;

Il "conglomerato bituminoso" sottoposto al processo di recupero acquisisce la qualifica di "granulato di conglomerato bituminoso" qualora sia garantito il pieno rispetto dei criteri individuati dal citato art. 3.

Pertanto, il produttore, per ciascun lotto di produzione non superiore a 3000 m3, è obbligato ad attestare l’osservanza di detti criteri tramite apposita dichiarazione di conformità, sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi dell’art. 47 della legge n. 445/2000, da trasmettere per raccomandata A.R. o da notificare all’Autorità competente e all’A.R.P.A. territorialmente competente.

Il produttore è anche obbligato a conservare in impianto o nella sede legale la dichiarazione di conformità ed il campione di granulato al fine di dimostrarne la conformità.

Sono esonerati da quest’ultimo obbligo, alle condizioni di cui all’art. 5 del Decreto, le imprese registrate secondo il regolamento EMAS o in possesso della certificazione ambientale UNI EN ISO 14001.

Quindi, dal 3 luglio 2018 - data di entrata in vigore del Regolamento - il recupero del conglomerato bituminoso non potrà più essere effettuato secondo i criteri del D.M. 5 febbraio 1998 all. 1 sub. 1 p. 7.5 e le imprese in esercizio avranno 120 giorni di tempo per adeguarsi chiedendo all’Autorità competente l’aggiornamento della comunicazione (semplificata) presentata ai sensi dell’art. 216 del D. Lgs. n. 152/2006 o l’aggiornamento dell’autorizzazione ordinaria posseduta.

Nelle more dell’adeguamento, il granulato di conglomerato bituminoso prodotto potrà essere utilizzato e, quindi, commercializzato se presenta i requisiti specifici di cui all’art. 3 del Decreto, attestati dal produttore con la suddetta dichiarazione di conformità.

Il reato di “Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti” passa dal Testo unico ambientale al Codice penale

(a cura dello Studio Librici)

Il d. lgs. 1 marzo 2018, n. 21 abroga l’art. 260 del d. lgs. n. 152/2006, che disciplina le “attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti”, e lo inserisce con lo stesso testo nel Codice penale all’art. 452-quaterdecies, aggiunto ai sensi dell’art. 3.

La nuova disciplina sanzionatoria segue la precedente modifica del Codice penale introdotta dalla legge n. 68/2015 sugli eco-reati e sarà operativa dal prossimo 6 aprile.

Acque di vegetazione delle olive: assimilate alle acque reflue domestiche ai fini dello scarico nella pubblica fognatura solo alle condizioni previste dall’art. 101del T.U.A.

(a cura dello Studio Librici)

 

Le acque reflue di vegetazione delle olive sono assimilate alle acque reflue domestiche ai fini dello scarico nella pubblica fognatura soltanto se sono rispettate le condizioni stabilite dal comma 7 bis dell’art. 101 del D. Lgs. n. 152/06, introdotto dalla legge n. 221/2015, che recita testualmente ” "Sono altresì assimilate alle acque reflue domestiche, ai fini dello scarico in pubblica fognatura, le acque reflue di vegetazione dei frantoi oleari. Al fine di assicurare la tutela del corpo idrico ricettore e il rispetto della disciplina degli scarichi delle acque reflue urbane, lo scarico di acque di vegetazione in pubblica fognatura è ammesso, ove l'ente di governo dell'ambito e il gestore d'ambito non ravvisino criticità nel sistema di depurazione, per i frantoi che trattano olive provenienti esclusivamente dal territorio regionale e da aziende agricole i cui terreni insistono in aree scoscese o terrazzate ove i metodi di smaltimento tramite fertilizzazione e irrigazione non siano agevolmente praticabili, previo idoneo trattamento che garantisca il rispetto delle norme tecniche, delle prescrizioni regolamentari e dei valori limite adottati dal gestore del servizio idrico integrato in base alle caratteristiche e all'effettiva capacità di trattamento dell'impianto di depurazione".

 

Si tratta dunque di una norma chiarissima che vuole agevolare un settore produttivo, quello oleicolo, che incontra serie difficoltà nella gestione delle acque di vegetazione in territori nei quali il loro utilizzo per la fertirrigazione del terreno non è praticabile a causa della presenza di terrazzamenti o pendenze non compatibili con la pratica dello spandimento irriguo.

Vale la pena di evidenziare che, ove le acque di vegetazione non vengano scaricate in fognatura o non siano osservate le prescrizioni indicate dal suddetto comma, esse sono qualificate come acque reflue industriali con tutto quello che ne consegue in termini autoritativi e sanzionatori.

 

È altresì evidente che nel caso in cui, per dette acque, non sussistano i presupposti dello “scarico”, come definito all’art. 73, ff), ovvero che l’immissione sia effettuata esclusivamente tramite un sistema stabile di collettamento che collega senza soluzione di continuità il ciclo di produzione del refluo con il corpo ricettore …, esse sono da considerarsi rifiuti e come tali devono essere gestite.

 

Lo ha sancito la Corte di Cassazione, Sez. 3^ penale, che con sent. n. 6998/2018 ha rilevato l’inammissibilità dei ricorsi - contro una sentenza del Tribunale di Benevento – nei quali si deduceva tra l’altro l’erronea applicazione dell’art. 101 del d. Igs. n. 152 del 2006 per come modificato dalla I. 28 dicembre 2015, n. 221. Secondo i ricorrenti la sentenza non avrebbe considerato che, ai sensi del comma 7 bis del citato articolo, le acque reflue di vegetazione dei frantoi oleari sono assimilate a quelle domestiche, sì che la loro condotta (collocazione delle acque di vegetazione in vasche di raccolta, reindirizzo tramite tubo delle stesse in un piazzale di cemento dal quale defluivano in un vallone e, poi, in un fiume),non avrebbe costituito più reato.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, Se vuoi saperne di più clicca su approfondisci, clicca su ok, presti il consenso all'uso di tutti i cookie