Regolamento recante inserimento di prodotti greggi o raffinati costituiti prevalentemente da gliceridi di origine animale nell’all. X, parte II, sez. 4, par. 1, alla parte v del d. lgs. 3 aprile 2006, n. 152. – D. M. 19 maggio 2016 , n. 123

(a cura dello Studio Librici)

 

Con il Regolamento di cui al D.M. n. 123/2016, in vigore dal 23 luglio 2016, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha introdotto nell’elenco delle biomasse combustibili previsto dall’allegato X, parte II, sez. 4, par. 1 del d. lgs. n. 152/06 la voce h) relativa ai prodotti greggi o raffinati costituiti prevalentemente da gliceridi di origine animale qualificati ai sensi della vigente normativa comunitaria di settore come sottoprodotti di origine animale o prodotti derivati che è possibile utilizzare nei processi di combustione, esclusi gli impianti termici civili, alle condizioni prescritte dal Regolamento.

Regolamento di aggiornamento dei valori limite di emissione in atmosfera per le emissioni di carbonio organico totale (COT) degli impianti alimentati a biogas - D. M. 19 maggio 2016, n. 118

(a cura dello Studio Librici)

 

In vigore dal prossimo 15 luglio il regolamento relativo all’aggiornamento dei limiti delle emissioni in atmosfera di carbonio organico totale (COT) degli impianti alimentati a biogas, emanato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con il decreto 19 maggio 2016, n. 118, pubblicato sulla G.U. n. 151 del 30/6/2016.

Il provvedimento è stato originato da varie richieste di chiarimento di soggetti pubblici e privati relative all’inserimento o meno della componente metanica nel computo delle emissioni di carbonio organico totale derivanti dal processo di combustione di impianti alimentati a biogas.

Al riguardo il Ministero, a seguito di opportune valutazioni tecnico-scientifiche, ha ritenuto che il metano, per le sue caratteristiche, fosse meno impattante rispetto agli altri composti organici formatisi nella combustione e che, pertanto, sotto il profilo della tutela ambientale, fosse opportuno riferire il valore limite del carbonio organico totale (COT) soltanto a tali composti. Occorre tuttavia evidenziare che i nuovi valori limite di COT, non comprensivi della componente metanica, sono stati opportunamente ridotti di ca. il 30% .

Attività abusiva di verniciatura e lavaggio automezzi: è inapplicabile l’esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto (art. 131- bis cod. pen.)

(a cura dello Studio Librici)

 

            Con sentenza n. 44353 anno 2015, Sez. III penale, la Corte di Cassazione, nel confermare la condanna della Corte di Appello per l’esercizio abusivo dell’attività di verniciatura e lavaggio di automezzi con emissioni in atmosfera e scarico di acque reflue senza le prescritte autorizzazioni, esclude l’applicazione, nella fattispecie, della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, prevista dall’art. 131 – bis del cod. pen., recentemente introdotto dal d. lgs. n.28/2015.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, Se vuoi saperne di più clicca su approfondisci, clicca su ok, presti il consenso all'uso di tutti i cookie