Emergenza coronavirus: Indicazioni del Ministero dell'ambiente sulla gestione dei rifiuti urbani e speciali

Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi e proroga di termini ed autorizzazioni in materia ambientale per l’emergenza coronavirus  

(a cura dello Studio Librici)

Il D.L. 17 marzo 2020,  n. 18, convertito in legge 24 aprile 2020, n.27 (testo coordinato), all’articolo 103, dispone la sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi nonché la proroga della validità delle autorizzazioni per cui statuisce:

al comma 1

  • che ai fini del computo dei termini relativi allo svolgimento di procedimenti amministrativi in corso alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a detta data, non si tiene conto del periodo compreso tra la medesima data e quella del 15 aprile 2020;

    al comma 2

  • che tutti i   certificati,   attestati,   permessi,   concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, compresi i termini di inizio e di ultimazione dei lavori di cui all'articolo 15 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, conservano la loro validità per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza.

Lo stesso D. L. all’art. 113 prevede inoltre il rinvio al 30 giugno 2020 dei seguenti adempimenti in materia di rifiuti:

  • presentazione del MUD (termine normale 30 aprile); nello specifico occorre ricordare che le modalità di invio della comunicazione e la modulistica da utilizzare sono uguali a quelle dell’anno 2019;
  • presentazione, da parte dei produttori o importatori, della comunicazione annuale dei dati relativi alle pile ed accumulatori immessi sul mercato nazionale nell'anno precedente (termine normale 31 marzo);
  • presentazione, da parte del Centro di Coordinamento Nazionale dei produttori, ad ISPRA della comunicazione dei dati relativi alla raccolta ed al riciclaggio dei rifiuti di pile ed accumulatori portatili, industriali e per veicoli (termine normale 31 marzo);
  • presentazione, da parte dei titolari degli impianti di trattamento dei RAEE, al Centro di Coordinamento RAEE della comunicazione delle quantità di rifiuti trattate (termine normale 30 aprile);
  • versamento del diritto annuale di iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali (termine normale 30 aprile).

La legge di conversione introduce anche l'art. 113-bis "proroghe e sospensioni di termini per adempimenti in materia ambientale", con il quale il deposito temporaneo, di cui all'art. 183 co.1 lett.bb) n.2 del D. Lgs. n. 152/2006,  è consentito fino ad un quantitativo massimo doppio, mentre il limite temporale massimo non può avere durata superiore a diciotto mesi.

Si tratta di una deroga alle modalità di gestione del "deposito temporaneo" prescritte dal citato art. 183, che era stata indicata dal Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare alle regioni e alle province autonome con la circolare del 30 marzo 2020; deroga da utilizzare, eventualmente, nelle ordinanze contingibili ed urgenti, emanate ai sensi dell'art. 191 del D. Lgs. n. 152/2006, per il superamento di eventuali situazioni di difficoltà nella gestione dei rifiuti determinate dall'emergenza sanitaria Covid-19.

Tuttavia la deroga, come formulata nell'art. 113-bis, sebbene il titolo "proroghe e sospensioni di termini per adempimenti in materia ambientale"  induca a considerarla temporanea, non sembra essere legata all'emergenza sanitaria o limitata alla durata della medesima, con la conseguenza che la dilatazione dei quantitatvi di rifiuti e dei tempi di deposito potrebbero tradursi in una modifica definitiva della norma.

  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, Se vuoi saperne di più clicca su approfondisci, clicca su ok, presti il consenso all'uso di tutti i cookie